Sabato, 03 Giugno 2017 12:09

Vieni, Santo Spirito

Il gesto che compie Gesù nel vangelo di oggi richiama quello del Padre nel momento della creazione del primo essere umano. Come infatti Gesù soffia per effondere lo Spirito Santo, così nel libro della Genesi il Padre plasmò l’uomo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente. Ricevere il soffio di Dio indica che viene stabilito un legame unico tra l’essere umano e il suo creatore. L’uomo vive del soffio stesso di Dio, respira in Dio, respira Dio. A questo corrisponde l’espressione di Paolo nel suo discorso ad Atene: in Lui, in Dio, abbiamo la vita, il movimento e l’essere.

Pubblicato in Lectio Divina