Lunedì, 22 Giugno 2009 01:00

INNOCENTE CAREZZA

INNOCENTE CAREZZA

 

Non farti rapir da trivial pensieri,
se da me, “un non più giovane”,
sul volto sei stata carezzata.

 

Non c’è malizia, né,
mire nascoste, quelle che,
cambiare fanno l’uomo in animale.

 

Vuol solo pervadere l’animo tuo,
da quell’antica brezza,
che solo adesso della primavera l’alito reca,
non certo, oggi,
per recar dell’inverno il suo grigiore.



G.G.

Letto 199 volte
Altro in questa categoria: « RAMO DI QUERCIA (richiesta) »