Mercoledì, 22 Luglio 2009 01:00

22 luglio. IL PREZIOSISSIMO SANGUE E LA CONFESSIONE

C’era a Gerusalemme una piscina detta “Probatica” che aveva cinque portici sotto i quali c’erano infermi di ogni genere. Questi infermi aspet­tavano la venuta dell’angelo del Signore. Al movimento dell’acqua, provocato dall’angelo, il primo che si immergeva veniva guarito.

Questa piscina era il simbolo dei sacramento della Confessione, che attinge la sua efficacia dal Sangue che Gesù ha versato per noi. Con la differenza che alla piscina veniva guarito un solo infermo, mentre nella Confessione tutti i cristiani possono guarire dalle loro infermità spirituali.

Come già il buon ladrone, ogni volta che noi riceviamo l’assoluzione dal sacerdote beneficiamo della morte di Gesù. Non sette volte sette, ma settanta volte sette il Signore ci perdona le offese che gli abbiamo fatto. Dunque, quando siamo in peccato non stiamo lontani da lui, ma cerchiamo con umiltà e con tanta fiducia il suo perdono.

Fioretto: Confessati al più presto, anche se non hai colpe gravi e preparati alla Confessione nel migliore dei modi.

ESEMPIO Le reliquie del Sangue di Gesù hanno contribuito più di ogni altra causa al diffondersi di questa devozione. La tradizione ci racconta che Longino, il soldato che colpì il costato di Gesù, fu ricam­biato con grande misericordia da parte del Signore. Alcune gocce di quel Sangue divino, cadutegli negli occhi, lo guarirono da una penosa infer­mità e gli aprirono gli occhi dell’anima alla fede. Riconoscente, raccolse un po’ di quel Sangue e lo conservò gelosamente in una ampolla. Nell’anno 35, perseguitato dagli Ebrei, si rifugiò nell’Isauria, poi ad Antiochia, quindi a Roma e infine a Mantova, dove predicò il vangelo e morì martire il 2 dicembre del 38, dopo aver nascosto il prezioso tesoro in un orto ove ora si erge la magnifica chiesa di S. Andrea.

Nell’804, su indicazione venuta dal cielo, la preziosa reliquia fu ritro­vata accanto al corpo del martire. Sulla cassetta di piombo contenente l’ampolla era scritto: “Sangue di Gesù Cristo”. Saputa la cosa, Carlo Magno, pregò il Papa Leone III di far verificare la cosa, perché era desideroso di venir ad adorare la preziosa reliquia, come poi fece con grande seguito di principi e cavalieri. L’esempio di Carlo Magno fu imitato da papi, da principi e da re.

Letto 134 volte