Mercoledì, 01 Luglio 2009 01:00

1 luglio. LA FESTA DEL PREZIOSISSIMO SANGUE

Proprio all’inizio di questo mese, dedicato a celebrare le glorie e i benefici del Preziosissimo Sangue di Gesù, la Chiesa ci ha fatto cele¬brare fino a qualche tempo fa, in onore di questo Sangue, una festa solenne, quasi a coronamento del mese del S. Cuore.

Pubblicato in Riflessioni

La quaresima , “Ecco ora è il momento favorevole, ecco ora è il giorno della salvezza! (2Cor. 6,2b) È tempo di grazia nello Spirito Santo, approfitta di questo tempo donatoci dalla misericordia di Dio Padre in Gesù Cristo.

La Quaresima ha inizio con il rito del Mercoledì delle Ceneri: ci chiama con questo misero segno visibile che significa penitenza, rinascere, rinnovarsi totalmente, cambiare direzione alla propria esistenza, lasciarsi rivoltare dal Vangelo “convertitevi e credete al Vangelo(Mc. 1,15).

Pubblicato in Riflessioni

Ogni figlio ha in sé qualcosa del padre e della madre, così come ogni creazione ha in sé qualcosa del suo creatore: in questo caso si parla di stile, nel primo caso addirittura di cellule, di esseri viventi, di DNA. Così, un capo di alta moda porta in sé qualcosa dello stilista che l’ha disegnato; un quadro o una statua dicono sempre qualcosa della vita di un artista; un figlio ha quantomeno alcuni tratti somatici, ma anche caratteriali, di uno o di entrambi i genitori.

Pubblicato in Lectio Divina

Per entrare nel forte messaggio del brano del Vangelo, la porta più adatta è la prima lettura, l’episodio dell’Esodo, così provocante. Il dubbio del popolo in viaggio - “il Signore è in mezzo a noi, sì o no?” - non nasce per un improvviso emergere dello spirito critico, nasce nella tensione tra la speranza e la disperazione. Questo popolo si era mosso perché un uomo, Mosè, aveva suscitato in lui la speranza della liberazione.

Pubblicato in Lectio Divina
Giovedì, 05 Gennaio 2017 20:04

Epifania del Signore

La prima manifestazione pubblica, a livello globale, diremmo oggi, da parte di Gesù si rifà al giorno della prima Epifania che noi cristiani celebriamo, ricordando la venuta dei Re Magi a Betlemme per adorare il Salvatore. Oggi, a distanza di 2016 anni riviviamo la stessa esperienza dei tre sapienti, andando anche noi dietro alla nostra vera stella che è Gesù.

Pubblicato in Lectio Divina

Ogni figlio ha in sé qualcosa del padre e della madre, così come ogni creazione ha in sé qualcosa del suo creatore: in questo caso si parla di stile, nel primo caso addirittura di cellule, di esseri viventi, di DNA. Così, un capo di alta moda porta in sé qualcosa dello stilista che l’ha disegnato; un quadro o una statua dicono sempre qualcosa della vita di un artista; un figlio ha quantomeno alcuni tratti somatici, ma anche caratteriali, di uno o di entrambi i genitori.

Pubblicato in Lectio Divina

Ogni volta che si rilegge il Vangelo del cieco nato non si può non restare stupiti di fronte all’atteggiamento dei farisei, messo in rilievo anche dall’ironia con la quale l’evangelista Giovanni lo dipinge. Hanno di fronte un cieco nato che ha ritrovato la vista, ma non esprimono nessuno stupore. Fin dall’inizio c’è in loro un rifiuto implacabile e ostinato di fronte a quello che è appena avvenuto.

Pubblicato in Lectio Divina

Ogni volta che si rilegge il Vangelo del cieco nato non si può non restare stupiti di fronte all’atteggiamento dei farisei, messo in rilievo anche dall’ironia con la quale l’evangelista Giovanni lo dipinge. Hanno di fronte un cieco nato che ha ritrovato la vista, ma non esprimono nessuno stupore. Fin dall’inizio c’è in loro un rifiuto implacabile e ostinato di fronte a quello che è appena avvenuto.

Pubblicato in Lectio Divina

Per questo siamo arrivati sin qui. Per questo abbiamo seguito il Nazareno nel deserto, e sul Tabor. Per questo ci siamo identificati nella sete della samaritana, nella cecità del mendicante di Siloe, nell’angoscia profonda delle sorelle Marta e Maria per la morte di Lazzaro. Per questo. Per essere qui, un po’ defilati, un po’ affannati. Come siamo sempre nella nostra caotica vita. Affanno cui ha cercato di porre un argine questo tempo di verità e di essenzialità.

Pubblicato in Lectio Divina
Lunedì, 27 Febbraio 2012 00:00

PASQUA: GESÙ È VIVO

«Cristo è risuscitato. È veramente risuscitato!».
È con questa frase semplice e vigorosa che i cristiani si salutano la mattina di Pasqua.
L’aurora di questa mattina porta una notizia inattesa: Cristo è stato riscattato dalla morte, è vivo!

Pubblicato in Varie
Pagina 1 di 2