Domenica, 18 Ottobre 2009 01:00

Il fumo mi fa male In evidenza

Il fumo fa male Il fumo fa male

Vorrei parlare di questo argomento di cui si parla poco e niente, soprattutto in questa società dove il tabagismo trova ampio spazio nonostante sugli stessi pacchetti viene ben specificato che il fumo fa male o peggio, riportando una delle frasi più frequenti, “Il fumo uccide”. Il fumatore dovrebbe prendere coscienza che ciò che compra e consuma è un pericolo per la nostra salute. Più del 70% dei tumori ed altre patologie, come ad esempio le malattie del cuore, sono infatti causate dal fumo. L’Istituto di Sanità nutre grande preoccupazione per la grande quantità di malattie prodotte da questo “vizio”. La stessa fonte riporta inoltre, che il fumo è in aumento, soprattutto fra i giovanissimi, che per essere alla pari dei più grandi e, per cercare qualcosa che gli dia maggior sicurezza, ne fanno uso, senza sapere, o comunque non avendone la giusta consapevolezza e coscienza, che vanno incontro a dei problemi gravissimi per la loro salute, certamente più gravi rispetto a quelli ai quali possono andare incontro gli adulti.Chi è giovane, infatti, essendo in età di sviluppo, può andare incontro a gravi disfunzioni che potranno avere conseguenze per tutta la vita. Pochi giovani sanno, ad esempio, che il fumo incide in modo fortemente negativo sul funzionamento degli organi riproduttivi. Per non parlare poi dei residui di catrame che rimangono nel nostro organismo.

A tal proposito, ho trovato su YouTube, un video, il quale mostra mostra che danni causa 1 pacchetto di sigarette al giorno, fumato per 20 giorni, sono enormi, mi raccomando guardatelo fino alla fine, con attenzione soprattutto a come cambia il colore dell’acqua, questa alla fine sarà bollita, rimarrà soltanto il catrame,che è lo stesso che finisce nell’organismo di chi fuma.

This text will be replaced

Ecco quindi la necessità di una maggior consapevolezza, per noi cristiani, di questo problema, che va in contrasto con la nostra fede. Se la nostra fede è autentica sarà nostra cura interessarci della nostra salvezza spirituale e corporale.

In primis possiamo prendere coscienza alla luce della parola di Dio, che illumina nel nostro cammino spirituale:

Non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo che è in voi e che avete da Dio, e che non appartenete a voi stessi? Infatti siete stati comprati a caro prezzo. Glorificate dunque Dio nel vostro corpo(1Cor. 6, 19-20)

La parola di Dio che ci trasmette Paolo deve farci prendere coscienza di cosa siamo diventati quando siamo stati introdotti nella chiesa, uniti al corpo di Cristo mediante il battesimo. Il nostro corpo è diventate abitazione dello Spirito Santo e quindi non apparteniamo più a noi stessi, perché siamo stati comprati a caro prezzo, Cristo infatti, ha dato il suo sangue per salvarci anima e corpo.

Un altro passo della Parola ci conferma questa verità indispensabile per la nostra vita da cristiani:

Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? Se uno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui. Perché santo è il tempio di Dio, che siete voi(1Cor. 3, 16-17)

In questo brano Paolo ci avverte, che siamo tempio di Dio e il tempio è sacro, se noi attentiamo contro questo tempio, Dio distruggerà questo tempio, non perché Dio distrugge ciò che ha creato, ma che ci lascerà al nostro libero arbitrio, e questo ci porta al peccato e il peccato alla morte eterna. Quando Gesù parla con i giudei, lo fa in modo forte perché hanno il cuore indurito, parla loro in parabole, Gesù, Parola incarnata del Padre Eterno l’annuncia con potenza e verità quando dice, citando il profeta Isaia (ls. 6,9-10):

Voi udrete, ma non comprenderete, guarderete, ma non vedrete. Perché il cuore di questo popolo si è indurito, son diventati duri di orecchi, e hanno chiuso gli occhi, per non vedere con gli occhi, non sentire con gliorecchi, e non intendere con il cuore affinché si convertano ed lo li risani(Mt. 13, 14-15)

“Santo è il tempio di Dio”, Gesù dice di essere santi perché io sono santo, questo è il dono che ci ha dato Gesù mediante lo Spirito Santo e, siamo guidati da lui come figli di Dio e lo siamo realmente, questa è la motivazione per la quale dobbiamo essere lontani da tutto ciò che danneggia e ci allontana da Dio.

Il fumo, l’alcool, l’eccesso di cose e ogni genere di vizio e tutto ciò che ci porta all’idolatria e distrugge il nostro corpo e lo spirito, non erediterà il regno di Dio. Paolo infatti ci dice che raccoglieremo le conseguenze del nostro peccato:

Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perché quello che l’uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perché chi semina dalla carne, mieterà corruzione dalla carne; ma chi semina dallo Spirito mieterà dallo Spirito vita eterna(Gal. 5, 20-21 - 6:7-8)

Grazie all’incarnazione del Figlio di Dio, all’uomo è stato concesso di entrare in questo mistero di salvezza e innalzarsi ad una eredità incorruttibile, ad un livello eccezionale, perché Dio è l’Onnipotente ed è tutto amore, che ha riversato nel cuore dell’uomo il suo Spirito Santo (cfr. Gal.4,6). San Paolo dirà:

Chi è in Cristo è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate, ecco ne sono nate di nuove(2Cor. 5, 16-17)

È questa la creatura nuova che Gesù ha acquistato con la sua vita in croce dando tutto se stesso per la salvezza dell’umanità.

Lo sazierò di lunga vita e gli farò vedere la mia salvezza(Salmi 91:16)

Ascolta, figlio mio, ricevi le mie parole, e anni di vita ti saranno moltiplicati(Proverbi 4:10)

Il signore Dio ci mostra la sua strada, la sua vita, l’uomo è libero e cosciente della sua libertà. Dio propone, non impone, la sua proposta è nel suo cuore di Padre perché è spinto dall’amore per l’uomo affinché possa salvarlo:

Io sono il Signore tuo Dio che ti insegno per il tuo bene, che ti guido per la strada su cui devi andare(Is. 48, 17)

La parola di Dio ci viene in aiuto, la parola di Dio è viva ed efficace (Eb.4,12) è la manifestazione di Dio, della sua totale adesione al progetto di amore che ha per l’uomo, addirittura elevandolo quasi alla altezza degli angeli come ci dice il salmo 8,5-7 “Che cos’è l’uomo perché ti ricordi di lui o il figlio dell’uomo perché tu te ne curi? Di poco l’hai fatto inferiore agli angeli, di gloria e di onore l’hai coronato e hai posto ogni cosa sotto i suoi piedi”, è la voce che penetra nel più profondo del suo essere, perché è la sua creatura, creata a sua immagine e somiglianza, Dio non può non amare la sua creatura e come andare contro se stesso, contro il suo amore “Ora dice il Signore cheti ha creato, o Giacobbe, che ti ha plasmato, o Israele: “Non temere, perché io ti ho riscattato, ti ho chiamato per nome: tu mi appartiene. Perché tu sei prezioso ai miei occhi, perché sei degno di stima e io ti amo(Is. 43, 1-4a)

Vi esorto, dunque, fratelli, per la misericordia di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo è il vostro culto spirituale. Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, la gradita e la perfetta volontà(Romani 12:1-2)

Tornando al problema del fumo, la cosa più assurda è che il fumatore quando gli si dice che il fumo fa male, la sua risposta è lo so, ma non ne posso fare a meno, quindi è consapevole della gravità per la sua salute corporale e mentale, della sua schiavitù, della sua droga, del suo male. Ho conosciuto molti cristiani fumatori che non avevano nessuna intenzione di rinunciare a questo piacere. La Bibbia afferma chiaramente che esiste il piacere nel peccato ma che alla fine se ne subiranno le conseguenze. La Bibbia dice che Mose scelse di sua volontà di rinunciare ai piaceri del peccato per seguire Dio.

Per fede Mose, fattosi grande, rifiutò di essere chiamato il figlio della figlia del Faraone, preferendo essere maltrattato con il popolo di Dio che godere per breve tempo dei piaceri del peccato(Ebrei 11: 24-25)

Letto 80 volte