Domenica, 08 Aprile 2018 18:06

Dalla Pasqua nasce un popolo nuovo

8 aprile 2018
II Domenica di Pasqua
Divina Misericordia – Ciclo Liturgico Anno “B”

Prima Lettura
Un cuore solo e un’anima sola (At 4,32-35)

Dagli Atti degli Apostoli

La moltitudine di coloro che erano diventati credenti aveva un cuore solo e un’anima sola e nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune.
Con grande forza gli apostoli davano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù e tutti godevano di grande favore.
Nessuno infatti tra loro era bisognoso, perché quanti possedevano campi o case li vendevano, portavano il ricavato di ciò che era stato venduto e lo deponevano ai piedi degli apostoli; poi veniva distribuito a ciascuno secondo il suo bisogno.


Parola di Dio

 

Samo
Rendete grazie al Signore perché è buono: il suo amore è per sempre (Sal 117)

Dica Israele:
«Il suo amore è per sempre».
Dica la casa di Aronne:
«Il suo amore è per sempre».
Dicano quelli che temono il Signore:
«Il suo amore è per sempre».

La destra del Signore si è innalzata,
la destra del Signore ha fatto prodezze.
Non morirò, ma resterò in vita
e annuncerò le opere del Signore.
Il Signore mi ha castigato duramente,
ma non mi ha consegnato alla morte.

La pietra scartata dai costruttori
è divenuta la pietra d’angolo.
Questo è stato fatto dal Signore:
una meraviglia ai nostri occhi.
Questo è il giorno che ha fatto il Signore:
rallegriamoci in esso ed esultiamo!

 

Seconda Lettura
Chiunque è stato generato da Dio vince il mondo (1Gv. 5,1-6)

Dalla prima lettera di san Giovanni apostolo

Carissimi, chiunque crede che Gesù è il Cristo, è stato generato da Dio; e chi ama colui che ha generato, ama anche chi da lui è stato generato.
In questo conosciamo di amare i figli di Dio: quando amiamo Dio e osserviamo i suoi comandamenti. In questo infatti consiste l’amore di Dio, nell’osservare i suoi comandamenti; e i suoi comandamenti non sono gravosi.
Chiunque è stato generato da Dio vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede.
E chi è che vince il mondo se non chi crede che Gesù è il Figlio di Dio? Egli è colui che è venuto con acqua e sangue, Gesù Cristo; non con l’acqua soltanto, ma con l’acqua e con il sangue. Ed è lo Spirito che dà testimonianza, perché lo Spirito è la verità.


Parola di Dio

 

Canto al Vangelo

Alleluia, alleluia.
Perché mi hai veduto, Tommaso, tu hai creduto;
beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!

Alleluia.
 

Vangelo
Otto giorni dopo venne Gesù (Gv 20, 19-31)

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.
Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».
Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Didimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».
Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.


Parola del Signore

 

Commento

Il racconto dell’apparizione del Risorto a Tommaso risente di una modalità letteraria tipica del quarto evangelista: l’utilizzo di un personaggio, come figura collettiva, per presentare cioè un atteggiamento non solo individuale, ma diffuso... L’apostolo incredulo è la personificazione del dubbio dei discepoli - oggi parliamo del dubbio dei fedeli - riguardo alla risurrezione di Cristo.

Caratteristica identificativa di Tommaso è l’assenza: Tommaso - Tomà in aramaico -, Didimo in greco, Gemello in italiano, non era con gli Undici, quando il Signore apparve nel cenacolo a porte chiuse la sera della sua risurrezione; non avendo visto di persona, Tommaso dubita.

Sapete quanta gente ritiene che dubitare su articoli di fede sia un peccato, e se ne confessa?

Dubitare non è affatto un peccato! è naturale, è umano... quando un fatto non è evidente, il rischio è sempre quello di temere che il fatto non sia vero, o, se è vero, non sia proprio come ce lo hanno presentato. C’è di buono che il dubbio può risvegliare la voglia di cercare: che senso ha avere dei dubbi e tenerseli senza fare niente...sempre che i nostri dubbi di fede siano veri dubbi, cioè che lascino inquieti e tengano desta l’attenzione, attivino la volontà, ...non lascino tranquilli.

Forse è proprio questo il motivo per il quale molti cristiani si sentono in colpa nel nutrire dubbi di fede, e lo dichiarano nella confessione sacramentale... In realtà, non fanno nulla per chiarire il dubbio, cioè non camminano nella via della fede. E questo, sì, è un peccato!

Ma noi lo sappiamo che cosa significa camminare secondo la fede?

Far del bene? certo, ma non solo! ...

Il mondo è pieno - beh, non esageriamo!! - di uomini e di donne che fanno del bene, ma che non credono nel Dio di Gesù Cristo...

La lezione di Tommaso è dunque la lezione più grande che il gruppo degli apostoli ci ha lasciato. Tommaso rappresenta perfettamente la nostra condizione attuale.

Ma Giovanni vuole sottolineare un altro particolare: l’evangelista dell’aquila relaziona il dubbio all’assenza e vuole ricordare che il dubbio della fede si può aggravare - e fatalmente si aggrava! - quando si è assenti dalla chiesa, lontani dalla comunità dei credenti.

Vedete, quando si parla di dubbio di fede, non si intende solo il classico dubbio intellettuale: questo si può certo gestire individualmente; basta studiare, basta aggiornarsi, basta cercare...

Il dubbio di fede non è prima di tutto un dubbio intellettuale! è un dubbio che può sorgere solo se e quando la fede la si vive, quando la fede non è solo un concetto (astratto), sul quale si può fare tutt’al più dell’accademia, o una conversazione da salotto... ma quando (la fede) è stata scelta come stile di vita, criterio di discernimento del bene, metodologia di approccio al prossimo senza pregiudizio e in tutta verità...

Parlavamo di fede autentica vissuta cioè nella comunità... Per questo il Signore non appare privatamente al discepolo incredulo, ma nel cenacolo, a tutto il gruppo, otto giorni dopo - cioè di domenica -. La fede non è dunque un fatto meramente individuale, ma solo e sempre ecclesiale. La fede è personale, in quanto è della Chiesa. Ecco perché al termine della preghiera eucaristica, il sacerdote prega Dio affinché non guardi ai nostri peccati, ma alla fede della Chiesa.

È dunque nella Chiesa che possiamo trovare e riconoscere i segni della presenza del Cristo.

Ma Tommaso non rappresenta soltanto l’icona, il modello del credente in crisi.

Tommaso è anche colui che pronuncia la più alta e sublime professione di fede di tutti e quattro i Vangeli: Mio Signore e mio Dio!

Possiamo tradurla più o meno così: Sei proprio Tu, Gesù! sei proprio il Signore! sei proprio Dio!

La gioia di credere - e sottolineo l’elemento della gioia! - esplode nel cuore del discepolo che si lascia incontrare da Cristo e sa vivere la fraternità di essere in gruppo, un cuore solo e un’anima sola, come racconta san Luca nei suoi Atti degli Apostoli.

Toccando il tema della comunità e della gioia, so di toccare due nervi scoperti...

La percezione del senso di comunità non è proprio così immediata nella nostra esperienza di fedeli. Quanto poi alla gioia, beh, neppure di questo è facile fare esperienza, al contrario di quanto Luca ci vorrebbe far credere, descrivendo la comunità delle origini...

Dall’indagine compiuta tra la gente che frequenta le nostre chiese, più che di gioia, si sente parlare di noia... soprattutto tra i giovani.

E la noia è quanto di più lontano ci possa essere dalla gioia... ancora più del dolore: ci sono dolori che sono vicinissimi alla gioia, al piacere - non l’hanno soltanto cantato i Queen!... -; dolori che sono preludio alla gioia, come i dolori del parto.

Ma la noia... non ha niente a che vedere con la gioia, tantomeno può esserne preludio!

Che dire a conclusione di questa omelia? (dico che) la fede è una continua conquista!

Per questo il Signore proclama beati coloro che, pur non avendo visto, pur non avendo raggiunto l’evidenza dei fatti, crederanno in Cristo e nella sua risurrezione.

Come spesso ripeto quando parlo di argomenti di fede, tutto ciò che poteva fare il Signore per noi, il Signore l’ha fatto. Ora tocca a noi dirgli di sì, oppure di no, credere oppure no.

E non è detto, non è sicuro che il sì’ pronunciato la prima volta, resti lo stesso anche dopo...

I sacramenti che celebriamo solo nella Chiesa, costituiscono il nutrimento necessario - non possiamo cioè farne a meno! - a quel sì’ pronunciato un giorno, davanti a Dio e alla comunità, ma che non è in grado di bastare a sé stesso, non può vivere di vita propria... come, del resto, nulla e nessuno sotto il sole.

Letto 151 volte