Lunedì, 09 Marzo 2009 00:00

PERCH

PERCHÈ NON TORNI

 

Perché non torni,
il buio t’ha carpito,
quando giovane tu eri.

Tua madre, tuo padre, gli amici tutti,
siamo qui a gridar:
“Perché non torni”.

Ma vano è, se tu,
da una gelida coltre di terra sei coperto,
quella stessa terra dalla qual sei nato.

“Dalla terra fosti generato, e a lei ritornerai”.

Cosi è scritto, ma quanto difficile è accettare.

Io sono tua madre e sai,
non ho più lacrime ormai,
ma sicura sono che,
tutte quelle versate su quel solco,
faranno nascere presto un nuovo fiore:
“.......................................“



G.G.

Letto 1352 volte
Altro in questa categoria: « RAMO DI QUERCIA NOTTE BUIA »