Mercoledì, 24 Giugno 2009 01:00

(richiesta)

(richiesta)

 

Perdoneme papà,
lo so, io t’ho deluso, e pe questo, mo, so un recluso.
Hai fatto tanti sacrifìci, pe potemme fa studià,
e mo cjai sta ricompensa,
te sto facenno male.

 

Quann’ero regazzino, m’hai insegnato er bene,
e pè questo sempre dicevi:
“Ricordete de comportane onestamente,
solo così potrai dì d’ave quarcosa guadagnato”.

 

Mo lo so, te stai sempre domannanno:
“Ma dov’è che ho sbaiato”.
Ma tu, papà, nun cjai nessuna corpa,
so io che nun ho messo a frutto l’insegnamenti tua.

 

Papà, me sto a sfoga, tu nun te sentì pesante,
so solo io che ce l’ho co me per male che t’ho fatto.

 

Cerca de lassà tutto in quel nero bugigattolo de l’oblio,
so ancora un ragazzetto, voio, quann’esco,
ricomincià da prima, voio esse onesto e lavorà,
ma tu nun me lassà, voio ancora avè la guida tua,
li consii, le carezze,
quelle de mi padre.



G.G.

Letto 491 volte
Altro in questa categoria: « RAMO DI QUERCIA IL CROCIFISSO »