Giovedì, 19 Febbraio 2009 00:00

Sette Sataniche. (Trasmissione “Sulla via di Damasco” Rai 2 del 21/02/2009)

Il fenomeno delle sette sataniche e del satanismo in generale cresce e si prolifica indisturbato, da diverso tempo nelle grandi, medie e piccole città. Lo studio di circa 300 sette, sataniche e non, elaborato dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, ha dimostrato che in Italia, in questi ultimi anni, si è registrato un notevole incremento di sette religiose, in particolare di tipo satanico.

La caratteristica, che principalmente fa differire le sette sataniche dalle altre sette religiose di tipo ordinario, è che la fedeltà degli adepti non è rivolta alla personalità carismatica dei leaders, bensì alla stessa dottrina satanica. Deduciamo, quindi che al culto satanico, l’affiliato si accosti più per convinzione di tipo fideista che per persuasione esterna, intesa anche come coercitiva o manipolatoria. Il satanismo difatti deve essere inteso come una fede comunque di tipo religioso e come tale deve essere condivisa da tutta la comunità, attraverso l’adesione al gruppo e la cooperazione infra-gruppale di attività sessuali riprovevoli, considerate, dagli stessi, presupposto per l’avvicinamento all’entità malefica.

L’adepto

Cominciamo col dire che non sembra esistere una particolare tipologia dell’adepto di un gruppo satanico. La maggior parte dei futuri seguaci appartiene a famiglie assolutamente normali: secondo tale ottica, chiunque può essere reclutato.

E’ però un dato di fatto, che la partecipazione ai cosiddetti «culti distruttivi», consenta ai seguaci l’espressione di aspetti personali che spesso sono loro negativi in famiglia o nella vita sociale. Sembra piuttosto che i membri, nel momento dell’«adescamento», stiano attraversando fasi particolari della propria esistenza (lutti, difficoltà economica, problemi di salute ecc.).

Perché il fascino del Neosatanismo?: I poteri del principe del mondo donano la pienezza di beni terreni (denaro,sesso,potere), sicché danno tutto a tutti, realizzando il sogno della nuova era.

Che poi la farina del diavolo vada in crusca, ossia non dia la felicità, conta poco.

«Il male non è più una deficienza, ma una efficienza, un essere vivo, spirituale, pervertito e pervertitore, terribile realtà. Misteriosa e paurosa. Esce dal quadro dell’insegnamento biblico ed ecclesiastico chi si rifiuta di riconoscerla esistente.

In Italia, circa 14 milioni di persone frequentano maghi, cartomanti, fattucchieri, oroscopo e l’occulto in generale. In questa maniera, tra l’occulto generale e gli esorcisti sembra esserci una relazione particolare, giacché il 9% degli individui che si rivolgono ad un religioso per essere sottoposti ad un esorcismo ha già frequentato per vari motivi un operatore dell’occulto. In questo senso l’occultismo rappresenta la via regia affinché il demonio possa agire direttamente sull’uomo.

(Tonino Cantelmi: Psicologia e Teologia in dialogo)

Satanismo Giovanile

Da diversi anni in Italia e nel resto del mondo tra i giovani si è diffusa una subcultura di matrice satanica che viene fruita soprattutto attraverso la musica di alcun

Letto 2680 volte
Altro in questa categoria: Conosciamo la New Age »