Preghiera nei momenti di depressione

Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?
Improvvisamente un’immensa pesantezza
È caduta su di me,
e non so dove fuggire.

Non ho più voglia di vivere.

Dove sei Signore?
Trascinato senza vita,
verso un deserto immobile,
soltanto ombre circondato le mie frontiere.
Come posso uscirne?

Pietà di me, mio Dio.

Come una città assediata,
mi circondano, mi opprimono,
mi soffocano l’angoscia,
la tristezza, l’amarezza, l’agonia.

Come si chiama tutto questo? Nausea? Tedio della vita?

Non dimentico, Gesù, Figlio di Dio e servo del Padre,
che là, nel Getsemani il tedio e l’agonia ti oppressero
fino a farti versare lacrime e sangue.
Una pesante tristezza di morte inondò la tua anima,
come un mare amaro... Ma tutto passò!

Io so, che anche la mia notte passerà.
So che squarcerai queste tenebre, mio Dio,
e domani spunterà la consolazione.
Cadranno le grosse mura e di nuovo potrò respirare.
La mia anima sarà visitata e tornerà a vivere...
Grazie, mio Dio, perché tutto è stato un incubo,
soltanto l’incubo di una notte che è passata.
Adesso donami pazienza e speranza.
E si compia in me, la Tua volontà, mio Dio.

Amen

 

Letto 1011 volte Ultima modifica il Lunedì, 15 Maggio 2017 11:26
Altro in questa categoria: « Signore, quando… Per le pene del cuore »